Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2021

65

Il Signore dorme. Anzi, spesso lo lasciamo dormire per rimanere nelle nostre comodità, finché paradossalmente non naufraghiamo nel mare del non senso e dell’insignificanza. Ma perché il Signore non agisce direttamente nella mia vita, ma soprattutto perché non si manifesta così com’è davanti a me in modo tale che possa svegliarmi e credergli?!

Semplicemente in virtù di un dono misterioso e affascinante: la libertà. Non esistono infatti amicizie e amori forzati e violenti. Esiste la reciprocità e la relazione, esiste l’incontro personale e quotidiano che a volte si costruisce proprio demolendo l’immagine di quel dio in si credeva, un dio che magari non esisteva nemmeno perché era solo il riflesso della paura, della comodità e dell’indifferenza. Il Dio vero è quello possiamo conoscere in Gesù Cristo con l’Amore, nel coraggio e nel desiderio di Vita e di felicità


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2021
Articolo successivodon Roberto Seregni – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2021