Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 2 Ottobre 2021

71

Questo Vangelo sembra scritto per tutti noi che abbiamo seguito e seguiamo il carisma di don Bosco. I piccoli, i giovani, i ragazzi… potremmo dire che sono il nostro pane quotidiano. Ci sentiamo forti in questo, pensiamo di poter insegnare agli altri. Leggendo questa pagina, noi non ci sentiamo da parte di chi ascolta ma dalla parte di Gesù: siamo noi a dire agli altri di non scandalizzare i piccoli, di tornare bambini, di accoglierli, amarli ed educarli.

Ma è davvero così? Mi interrogo e mi vengono in mente tutte le volte nelle quali non sono stata d’esempio ai ragazzi, tutte le volte in cui per stanchezza, pigrizia, per disattenzione ho lasciato correre, ho pensato che in fondo, per una volta… tutte le volte che non ho risposto al telefono, tutte le volte in cui non c’ero.

Tutte le volte che non ho fermato discorsi pericolosi, che non mi sono presa cura della purezza del cuore di chi avevo di fronte. In tutte quelle volte, Gesù, io non ti ho accolto, ti ho lasciato andare e ho perso un’occasione per rendere il mio cuore puro come i bambini che avevo di fronte.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 2 Ottobre 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 2 Ottobre 2021