Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 2 Gennaio 2021

70

Nel tempo di Avvento, terminato da poco, Giovanni Battista è stato uno dei protagonisti e, di nuovo, oggi, ci viene ricordata la missione dell’ultimo dei profeti.

Tante volte lo avrai ascoltato: ma cosa indica questa storia del laccio dei sandali? Due cose. Slegare i sandali era un compito degli schiavi e Giovanni neppure si sente degno di essere il servo Gesù. Una seconda interpretazione riguarda una legge ebraica sul matrimonio: slegandosi il sandalo, un uomo che aveva diritto di sposare una donna, cedeva questo diritto al suo parente più stretto. Quindi, dichiarando di non poter togliere il sandalo a Gesù, Giovanni afferma di non aver alcun diritto di prendersi la sposa di Gesù, il suo popolo, la sua Chiesa, ciascuno di noi.

Giovanni e i santi di oggi, Basilio e Gregorio, che hanno sostenuto la Chiesa in grandi difficoltà, ci stimolano a crescere nella riconoscenza e a portare coloro che il Signore ci affida solo a Lui! E tu? Come ti poni davanti a Gesù? Come accompagni chi ti sta accanto verso Lui?


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 2 Gennaio 2021 – Massimiliano Arena
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 2 Gennaio 2021