Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 2 Agosto 2020

91

Il motto di Don Milani, un grande sacerdote del XX secolo, era “I care (mi sta a cuore)”. Traduce perfettamente l’atteggiamento del Dio di Gesù Cristo nei confronti dell’uomo: ho cura di te, mi stai a cuore, ti ho messo al centro delle mie attenzioni. D’altronde Dio si è fatto uomo proprio per dimostrare concretamente la sua vicinanza e il suo amore per l’umanità.

Il nostro è il Dio della compassione che odia l’indefferenza e ci invita a prenderci cura degli altri non delegando ma in prima persona. Don Bosco diceva ai suoi salesiani e ai suoi ragazzi che la bestemmia più grande è dire: “non tocca a me”.

Sono due i grandi ostacoli che bloccano la nostra carità: l’egoismo, da una parte, e il pensare di non essere abbastanza, dall’altra. In entrambi i casi è chiaro che non lasciamo spazio a Gesù Cristo nella nostra vita.

Perchè chi è in comunione con Cristo non può che sentire una spinta naturale ad andare verso l’altro ed, inoltre, ha già sperimentato che Dio sceglie la nostra debolezza (5 pani e 2 pesci) per manifestare la sua forza.


Logo Giovani di ParolaFonte:

Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

https://t.me/GiovaniParola

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno