Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 19 Novembre 2020

49

Le parole di Gesù sembrano di minaccia , ma è il male che punisce l’uomo, il male che fa gli cade addosso! A Dio è il nostro male che gli fa male, non il suo.

Una genitore capisce questo, preferirebbe star male lui piuttosto che il figlio. Gesù piange, anche Dio lo fa? Il pianto è l’onnipotenza di Dio, questa impotenza che davanti al nostro male, lo sente più del suo e lo porta su di sé e dà la vita per noi.

Questo pianto è come la pioggia che fa germogliare il grano: è il sentimento di Dio che, anche nella morte, rispetta la nostra libertà, anche nel peccato. Si, siamo liberi di agire, di essere vivi o di essere morti (quando cediamo al peccato).

Proprio il momento del male è il momento propizio per sperimentare la grazia ed il perdono! Hai mai provato a pregare durante una tentazione? Fallo vedrai il miracolo che succede: non c’è da attendere per essere felici, pieni di vita!


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno