Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 19 Maggio 2021

79

“Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo”. C’è poco da fare non siamo del mondo e ci sono dei momenti in cui lo percepiamo con chiarezza. Non so se vi è mai capitato ma quando viviamo determinati eventi di gioia piena o di sofferenza straziante, il “troppo” di questi eventi è come se ci confermasse che questa vita non può finire o comunque non può bastare.

C’è un di più di cui intuiamo l’esistenza; è come se fosse un assaggio di vita eterna. Questi eventi ci ricordano da dove veniamo e verso dove stiamo andando e dovrebbero aiutarci a soppesare la nostra esistenza. Sono come delle prove di esonero per capire se possiamo accedere con successo all’esame finale.

Perchè volente o nolente un esame finale ci sarà e lo superemo a pieni voti nella misura in cui abbiamo vissuto ogni giorno come se fosse il primo, l’ultimo e l’unico e, soprattutto, se ci siamo fatti guidare dall’Amore.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 19 Maggio 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 19 Maggio 2021