Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 17 Marzo 2022

99

- Pubblicità -

Nel mercoledì delle ceneri il Vangelo ci richiamava al digiuno (saper togliere qualcosa per fare spazio a Dio), alla preghiera (saper “stare” con Lui) e all’elemosina (gesti concreti verso i fratelli) poiché l’alleanza col Signore passa attraverso l’amore del fratello povero.

Non si tratta quindi di una condanna dei ricchi e un’esaltazione dei poveri: il ricco è colui che non sente di avere bisogno di Dio, si innalza lui come Signore a differenza del povero, colui che non avendo nulla si affida totalmente al Signore. Lazzaro è figura di Gesù, ultimo dei poveri, gettato davanti alla porta del ricco per salvarlo “Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me” (Mt 25, 40). Il ricco infatti “alzò gli occhi” troppo tardi: non si dice che lui avesse disprezzato Dio o il povero. Solo non li aveva mai guardati, perché occupato a guardare il proprio interesse.

Quali sono le cose che mi distraggono/allontanano da Dio e dai poveri (quelli che vivono vicino a me)?


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 17 Marzo 2022
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 17 Marzo 2022