Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2021

80

La preghiera del Padre Nostro è incastonata tra due richiami: la semplicità della preghiera e il perdono per essere perdonati. Il primo indica la preghiera non come una elucubrazione, essa non è un discorso sistematico, rifiuta le parole vane e formali, perché è dialogo con un amico. La questione del perdono, invece, spiega la frase su debiti e debitori: se lasciamo vincere il perdono nella nostra vita, allora vivremo da riconciliati e riusciremo a riconoscere che il nostro Dio è misericordia, amore.

Se ancora vediamo il Padre come un burattinaio o un distributore automatico, invece che come un amico e se continuiamo a considerarlo un giudice, piuttosto che un amorevole educatore, recitare il Padre Nostro sarà solo un atto scaramantico o meccanico. Se invece impariamo a conoscerlo davvero per ciò che è, pregheremo con il desiderio profondo che “sia fatta la sua volontà”, perché è volontà di salvezza e di felicità per noi!


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 17 Giugno 2021
Articolo successivoFabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 17 Giugno 2021