Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 16 Settembre 2021

36

Immaginare la scena di questo Vangelo non è facile, cercare di capire i particolari, provare ad intuire la completa straordinarietà di quanto sta accadendo è la chiave per comprendere la buona notizia di questi versetti.

La donna compie verso Gesù una serie di gesti che esprimono il suo amore per Lui, tanto da creare imbarazzo. Pur consapevole di questo, delle allusioni dei presenti, la donna non si ferma, non tentenna, compie questo omaggio tutto particolare nei confronti di Gesù. C’è un dolore dentro lei che la spinge a piangere, c’è un desiderio di perdono che la conduce ad amare ancora di più.

Non c’è tristezza che non possa essere trasformata in gioia vera, non c’è dolore che non possa diventare amore, non c’è peccato che non possa essere perdonato! Dio perdona sempre, solo noi possiamo fermare questo circolo di misericordia: quando ci convinciamo di non aver bisogno del perdono di Dio e quando ci disperiamo, a tal punto, da credere di non poter essere perdonati da Lui.

All’inizio di questo anno scolastico, universitario, lavorativo e pastorale, prova ad immedesimarti nella donna del Vangelo chiedi pace e cerca il perdono, anche sacramentale… potrai scoprire quanto amore c’è ancora da cospargere, come unguento profumato, nella vita di tutti i giorni, sui piedi di quel Gesù che ti è accanto!


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 16 Settembre 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 16 Settembre 2021