Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022

156

- Pubblicità -

Il brano del Vangelo di questa domenica è pieno di elementi significativi che ci permettono di capire perché il primo miracolo di Gesù sia proprio questo.

Il vino migliore è quel di più che solo Gesù può donarci, è testimonianza di una gioia che non ammette surrogati.
In questo evento, nella quotidianità della nostra vita, ci guida Maria. Siamo chiamati a iniziare dal “guardarci attorno”, a riconoscere ciò che ci manca, ciò che possiamo fare in più di fronte al “non hanno vino”.

Le ultime parole di Maria risultano una sorta di testamento – “qualsiasi cosa vi dica, fatela” – ma questo significa soprattutto provare ad ascoltare. Maria ne è l’esempio: d’ora in poi, nel Vangelo, non parla più, agisce solo, diventa cooperatrice del miracolo quotidiano della trasformazione e della conversione dei cuori.

Se Gesù ha trasformato l’acqua in vino, immagina ciò che può fare con te!


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022