Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 16 Aprile 2021

44

Di solito, lungo il mare, Gesù chiama. E anche in questo caso chiama e chiama a donare tutto, anche se può sembrare poco! È solo un ragazzo, con cinque pani e due pesci, ed è accompagnato da Andrea, uno dei dodici… ma la domanda sorge spontanea: «che cos’è questo per tanta gente?».

Eppure nelle mani del Signore il nostro poco può diventare un “sacco”, tanto da avanzarne: dodici canestri, perché dodici sono le tribù di Israele, è tutto il popolo, anche quello che verrà. Mettiamoci nei panni di quel ragazzo… Il Vangelo non sottolinea le sue incoerenze, i suoi errori, le sue tristezze, non perché non ci siano o non siano importanti, ma l’evangelista vuole evidenziare la generosità del suo gesto, il suo dono senza riserve.

Quel cibo lo avrebbe potuto tenere per sé, invece non lo ha fatto… e tu cosa stai aspettando per rispondere all’appello del Signore e per donare la tua vita?


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 16 Aprile 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 16 Aprile 2021