Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 15 Ottobre 2021

103

Dopo la caduta, riprendete subito il cammino, Dio saprà trarre un gran bene da questi inciampi (Santa Teresa d’Avila)

C’è tanta confusione, deve essere davvero complicato ascoltare lì in mezzo, ma Gesù parla ugualmente. Prima avverte di lasciar perdere l’ipocrisia e aggiunge che non c’è niente che resterà segreto, perché tutto verrà alla luce.

Qui probabilmente i discepoli e anche noi, un po’ spaventati, cominciamo a pensare alle nostre cadute, a quelle ferite o fragilità di cui abbiamo vergogna, ci comportiamo da ipocriti, cioè facciamo finta che non ci siano, le nascondiamo agli altri e a Dio. Gesù che sembra averci letto nel pensiero, ci ricorda che siamo suoi amici.

Non lasciamo che la paura, che fa parte del nostro DNA, ci allontani da Dio, non possiamo rimuoverla o fingere che non ci sia. Possiamo però provare a fidarci di Chi non si lascia sfuggire nulla di noi e degli amici autentici che lungo il cammino ci danno coraggio. Il Signore scrive dritto sulle nostre linee storte: anche i nostri inciampi, se portati alla luce, potranno generare un gran bene.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 15 Ottobre 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 15 Ottobre 2021