Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 15 Maggio 2020

75

Spesso il rischio che si corre è quello di soffermarsi solo su “Amatevi gli uni gli altri”, tralasciando quel “come io ho amato voi” che ci dà delle chiare indicazioni su come amare, in che misura spingersi nell’amore verso l’altro. Gesù, attraverso la morte di Croce, ci insegna non solo che dobbiamo amare, ma dobbiamo farlo come Lui.

Chi ci invita a farlo non impone ordini dall’alto, ma lo ha vissuto per primo sulla sua pelle, è proprio per questo che si tratta di un comandamento e non di un ordine da eseguire. Quello che Gesù ci chiede non è teorico, ma si deve impregnare di quotidianità, di vita vissuta. Non posso amare in teoria, ma posso amare nella pratica e posso farlo con una bussola chiara che sono i comandamenti e con un compagno di viaggio SPECIALE che conosce i desideri del mio cuore.

Signore fa che ogni giorno sia una nuova opportunità per portare frutto, fa che io non vada avanti a vuoto, ma che i miei passi siano sempre orientati dall’amore.


Fonte:

Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

https://t.me/GiovaniParola

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 15 Maggio 2020
Articolo successivoCommento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 17 Maggio 2020