Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 14 Ottobre 2020

83

La ricetta del “perfettino/a” per il mondo è semplice, basta seguire l’esempio di un qualsiasi fariseo e fare tutti i compiti per casa ed essere in pace con la coscienza che il mondo ci impone.

Ma siamo sicuri che questo serva o basti per il nostro cammino cristiano? E’ questo che Cristo ci chiede?
A leggere il Vangelo di oggi non sembrerebbe proprio! A noi cristiani nessuno ci chiede di essere infallibili, in nessun Vangelo ci viene proposto l’esempio di chi è sempre dalla parte della ragione, o di chi ha vissuto una vita senza sbavature o cadute.

A noi Gesù chiede solo di praticare l’amore e la giustizia, attraverso il servizio; e – anche quando ci sentiamo inadeguati e giudicati dal mondo – Lui guarderà solo a quanto siamo stati capaci di amare e di rendere giustizia a chi ci sta intorno.
Proprio per questo nessuno è “sbagliato” agli occhi di Gesù se nel proprio cammino, pur cadendo e sbagliando mille volte, ha tentato di rialzarsi usando l’amore e donando bontà.


Logo Giovani di ParolaFonte:

Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

https://t.me/GiovaniParola

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno