Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 14 Marzo 2021

201

È la quarta domenica di Quaresima e siamo chiamati a viverla con “letizia”, il viola di questi giorni si attenua nel rosa, perché la Pasqua è vicina e viene preannunciata la luce che si irradierà dalla Croce. Nel Vangelo viene proposta la seconda parte del dialogo tra Gesù e Nicodemo, dottore della Legge e fariseo, ma inquieto cercatore di Dio e, soprattutto, desideroso di salvezza vera, di vita eterna.

Nicodemo incontra Gesù di notte e vuole in ogni modo comprendere quale sia la luce che possa illuminare la sua vita. Le argomentazioni di Gesù ci sembrano enigmatiche, ma la risposta all’anelito profondo di eternità è Lui stesso. Il focus del discorso non è “cosa possiamo fare per salvarci”, ma ciò che lui farà per noi: innalzato sulla croce è fonte di salvezza per tutti!

Prova a rivolgere lo sguardo verso colui che è stato e sarà trafitto, che si è reso vulnerabile, che ha rotto ogni schema! Non lasciare che le tenebre vincano la luce! Accogli il suo dono e fatti dono per gli altri… come? Lascia che Lui ti indichi il cammino!


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 14 Marzo 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 14 Marzo 2021