Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 14 Gennaio 2022

35

“Oggi, proprio come il Vangelo di ieri, vediamo Gesù avere compassione, questo ci dice che avere compassione è un modo di approcciarsi all’altro costante e non saltuariamente! Inoltre nel Vangelo di oggi vediamo l’ingegniositá dei chi porta la barella del paralitico essi: “lo calano dal tetto!”. Sanno quanto è importante per il paralitico arrivare al cospetto di Gesù per essere guarito e pensano a come farlo!

Si, il cristiano è colui che se la ingegna per vedere Gesù: a messa, in una cappella, prima di andaré a scuola magari uscendo 10 min prima da casa, magari cambiando il percorso da fare per poter passare in un luogo dove è presente un tabernacolo! Per vedere Gesù dobbiamo volerlo, cercarlo, industriarci per poter stare un pó di tempo con Lui.

Spegnere tutto ció che ci frulla per la testa e guardarlo intensamente, guardare intensamente il tabernacolo: in questo gioco di sguardi noi guardiamo il Signore ed il Signore guarda noi! L’industriarci ci serve anche per fare vedere Gesù agli altri…vuoi essere anche tu un barelliere?


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 14 Gennaio 2022
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 14 Gennaio 2022