Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 13 Aprile 2021

53

“Bisogna”. È una parola potente quel “bisogna che sia innalzato”… sembra che Gesù fosse predestinato a morire in croce. In realtà è qualcosa di più. Il serpente di Mosè nel deserto era un bastone a forma di serpente che serviva a salvare quelli che, a causa delle loro mormorazioni contro Dio, erano stati morsi da serpenti velenosi. Chi avesse guardato quel bastone si sarebbe salvato.

Così è nell’esperienza della croce. Chi guarda alla croce si salva, perchè sulla croce è salito chi ha preso su di sè il proprio peccato. Per questo era necessario. Per questo “bisogna”… perchè non c’èa altra strada per rompere il peccato se non l’amore totale, integro e gratuito. Solo chi guarda questo amore e lo scopre rivolto a sè e alla propria rinascita… allora rinasce! Si scopre amato e ricomincia, si scopre amato ed ama a sua volta. Così inizia la vita eterna.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 13 Aprile 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 13 Aprile 2021