Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 12 Ottobre 2021

65

Non io, ma Dio (Carlo Acutis)

Con una certa curiosità, il fariseo invita Gesù alla sua tavola, ma questo banchetto diventa una sorta di tribunale: perché non fai le abluzioni? Tutte le volte che ci fermiamo ai “perché giudicanti”, alle apparenze, proviamo a porre il controllo sugli altri, invece siamo chiamati ad andare oltre, passare all’ascolto profondo delle esistenze: sia con Gesù che con il nostro prossimo.

Purtroppo tante volte capita di porre più attenzione all’esteriorità o solo ad essa. Ma l’esteriorità non è da demonizzare, piuttosto essa è rivelatrice di ciò che siamo “dentro”. È come quando nell’oratorio un ragazzo/a ci dice che siamo “bravi” o esprime verso di noi il suo affetto o quando, facendo volontariato, qualcuno riconosce che in noi c’è qualcosa in più. L’esteriorità parla quando “dentro” c’è un cuore puro, un’interiorità curata e accompagnata.

Donare – dare in elemosina – e donarsi, come ha fatto Gesù, è l’allenamento della nostra anima, affinché la nostra interiorità sia bella e sia visibile nella nostra esteriorità.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 12 Ottobre 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 12 Ottobre 2021