Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2021

65

Lo Spirito Santo non parla con parole di propria invenzione ma attinge sempre da Gesù e Gesù attinge sempre dal Padre. E’ l’esempio di una comunicazione basata sulla sincerità e sul rispetto reciproco. Dovremmo prenderne esempio nella nostra vita in cui spesso esprimiamo giudizi, pettegolezzi poco ispirati e frutto esclusivo del nostro pensare.

Lo Spirito Santo parla della VERITA’, non inventa nulla. Lasciamoci ispirare dalla saggezza dello Spirito, parlando con giudizio e pensando sempre a quanto le parole possano diventare lame.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2021
Articolo successivodon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 12 Maggio 2021