Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 12 Giugno 2022

60

- Pubblicità -

“Lo Spirito Santo è il Signore e dà la vita.” È quello che diciamo ogni volta che recitiamo il credo. Lo Spirito non è un optional della nostra fede, ma la terza persona del Signore. Quando Gesù sta per lasciare i suoi discepoli, sa bene che non saranno soli. Anzi, lo Spirito dirà loro tutto ciò che non sono pronti a sentirsi dire allora. Lo Spirito annuncerà la Parola direttamente ai loro cuori.

Anche noi siamo tempo dello Spirito. Ed è bellissimo pensare che così il Signore si fa spazio nella nostra vita. Nella tua personalissima storia Dio sussurra al tuo cuore attraverso lo Spirito, lascia che lavori in te per farGli spazio, ti porta con sé se sai abbandonarti ad esso. Perché si sa che lo Spirito soffia dove vuole – lì dove il nostro cuore ha bisogno.

La vita spirituale è proprio l’esercizio di far spazio allo Spirito dentro di noi, nelle azioni e nelle parole. Perché lo Spirito parli attraverso noi a chi ci è accanto e perché le nostre orecchie sappiano cogliere parole di Vita sussurrate all’orecchio da chi ci circonda.

Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 12 Giugno 2022
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 12 Giugno 2022