Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 12 Dicembre 2020

73

Nella liturgia della Parola di oggi riecheggiano, con forza, due verbi: ritornare e riconoscere.

Ora, come allora, aspettiamo Gesù. In questo tempo di Avvento stiamo preparando la strada, stiamo preparando il nostro cuore per accoglierlo. Ciascuno di noi sa che Lui ritorna sempre! Ma possiamo dire con altrettanta certezza che sempre noi, l’umanità, sappiamo riconoscerlo? Sappiamo metterci in ascolto dell’annuncio dei profeti di ieri e di oggi e sappiamo farci Suoi annunciatori?

Occorrono occhi nuovi, occorrono orecchi attenti ad ogni vibrazione, capaci di riconoscere l’Emmanuel, il Dio con noi, che si manifesta nel quotidiano!

Sì, hai letto bene: è Dio con noi, perché c’è sempre, ci cammina accanto, ritorna nelle nostre vite quando noi ci allontaniamo e ritorna attraverso le labbra di chi ci è accanto, è le braccia di chi ci abbraccia, è le mani di chi ci aiuta e ci chiede di diventare a nostra volta Sue mani, Sue braccia, Suoi occhi, Sue labbra!


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno