Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 10 Aprile 2021

43

Se avete giocato qualche volta al telefono senza fili vi sarà capitato di constatare che quasi mai la parola pronunciata da una prima persona coincida con quella pronunciata dall’ultima, dopo una serie di passaggi da un orecchio all’altro.

In questo Vangelo il messaggio è chiaro e preciso: “Sono Gesù e sono Risorto!”, tuttavia, nessuno riesce a fidarsi delle parole dell’altro e questo telefono senza fili non funziona adeguatamente. Molte volte nella vita ci capita di dire la verità, ma di non essere creduti dagli altri; molte volte alla nostra buona fede riceviamo risposte di sfiducia.

Un po’ come accade a Maria di Magdala, che pensando di dare un messaggio di gioia e speranza, torna a casa con la delusione di non essere creduta. Gesù, però, non si arrende e con la sua presenza dimostra pienamente che Maria di Magdala non è una visionaria, ma colei che lo ha visto con i suoi stessi occhi. Signore, fa che anche noi non abbiamo mai paura di dire la verità anche a costo di ricevere risposte di dissenso


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 10 Aprile 2021
Articolo successivoCoop. La Lucerna – Commento al Vangelo del 10 Aprile 2021