Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 9 Ottobre 2021

33

Nel bel mezzo della predicazione una donna prende il centro della scena, ha il coraggio di dare voce davanti a tutti a quello che la abita dentro. La sua esclamazione esprime certamente una grande ammirazione per il Signore, ma sembra avere anche un velo di rammarico. Quasi che avesse voluto essere lei, a fare da madre a Gesù. Chissà che non trapeli la storia di una maternità ferita․․․ Non lo sapremo mai.

Quel che è certo è che parla secondo la vecchia logica del sangue, ben lontana dalla novità di Gesù.
Quella stessa logica che ci porta a giudicare qualcuno solo a partire dai genitori o dall’ambiente da cui proviene, oppure a dire “Magari fossi nato in un altro posto”, “Magari avessi avuto genitori diversi, una storia diversa”. Quella stessa logica secondo cui ci sono cose che non possono essere cambiate, dei limiti davanti ai quali possiamo vivere solo di rimpianti, lamenti e rimorsi.

Gesù lo dice chiaro: non sei di chi sei figlio, non sei il posto da cui provieni, non appartieni al tuo passato․․․ la tua storia non ti determina in maniera definitiva e univoca, né nel bene né nel male. Non importa quale sia il passato tuo o della tua famiglia: puoi essere felice, beato, a patto che ascolti e custodisci la Parola di Dio. Di contro non c’è nessun legame di sangue, nessuna storia vissuta, nessuna esperienza fatta, nessun ricordo bello che possa darci pienezza, se perdiamo oggi quella relazione intima con la sua Parola.

Una Parola da “custodire”, non da “osservare” o ancora peggio “mettere in pratica”. Il Signore non ci sta promettendo che saremo felici se rispetteremo questa o quella regoletta presente nel Vangelo; si tratta di fare spazi nel cuore, creare tempi nella nostra vita frenetica․․․ spazi e tempi per entrare nella sua storia e fermarcisi, impregnarsi di essa: lasciarlo vivere in noi.

Comunità Centro Poggeschi


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 9 Ottobre 2021
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 9 Ottobre 2021