Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 8 Ottobre 2021

33

Nella nostra vita spirituale corriamo a volte il rischio di girare in tondo, di perdere di vista il sentiero battuto e scontrarci testardamente con noi stessi. La paura di perderci e lʼillusione di poter fare tutto da soli ci portano ad armarci, anche inconsapevolmente, con le armi fasulle delle tentazioni, concependoci padroni di noi stessi. Ci sentiamo forti di false sicurezze che inevitabilmente, però, portano a sgretolarci e a crollare, perché in realtà siamo divisi in noi stessi.

In queste ingannevoli angosce siamo sconfitti e constatiamo che il nemico tentatore è più forte di noi. Tuttavia, imparando a riconoscere col discernimento la falsità di queste paure, ricordiamoci che c’è speranza in una vita vissuta in preghiera alla luce della Parola di Dio.

È giunto il Regno di Dio! Col battesimo siamo stati già liberati dal peccato e la casa del nostro spirito è spazzata e adorna, pronta per accogliere il Signore che vi vuole dimorare. È lui il più forte, il consolatore, colui che non permette allo spirito impuro di ritornare; gli basta un dito! Non abbiamo nulla da temere.

Marco Ruggiero


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 8 Ottobre 2021
Articolo successivodon Marco Giordanengo – Commento al Vangelo del 8 Ottobre 2021