Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 8 Ottobre 2019

368

Marta invita Gesù a casa sua: è disarmante la semplicità con la quale Gesù entra in casa nostra quando lo lasciamo fare, quando apriamo le barricate delle nostre abitazioni e non abbiamo paura che le correnti di aria fresca portino polvere all’interno. Gesù è il Signore delle relazioni, il Dio della tavola, che entra nella nostra vita, se lo lasciamo fare, si siede attorno al tavolo e condivide la nostra umanità, la nostra povertà, le nostre fatiche, i nostri dolori e ci mostra tutta la nostra – che è la sua – bellezza.

Marta, quindi, accoglie il Maestro, mentre Maria lo ascolta, come discepola: è sorprendente la linearità delle reazioni, quando a un gesto semplice ne seguono tanti altri complessi. Quando facciamo spazio per Gesù nella nostra vita, inevitabilmente sono coinvolte anche le persone care che ci stanno attorno, in modi a noi misteriosi.

L’ascolto, quello di Maria, nasce dal desiderio profondo, che ognuno di noi ha, di interiorità, fonte di serenità; il servizio, quello di Marta, è anch’esso il luogo dell’amore, e l’accoglienza si fa concretizzazione del silenzio del cuore, seme di gioia.

Chiediamo al Signore di trasfigurare le nostre fatiche, le nostre paure e i nostri dubbi, perché possano essere il luogo intimo dell’incontro con lui, sorgente fresca in cui ristorarsi per vivere a pieno la vita.

Marco Ruggiero

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Marta lo ospitò. Maria ha scelto la parte migliore.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 10, 38-42

In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

Parola del Signore.