Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 8 Luglio 2021

63

Gesù invia gli apostoli e invia ciascuno di noi oggi dando delle direttive precise: dà uno sguardo, una direzione e una sorta di “prassi”, qualcosa che definisca il nostro modo di annunciare.

“Strada facendo” vuol dire che l’annuncio deve essere uno stile della nostra vita; non saremmo cristiani credibili se fossimo carichi di oro e argento, di parole preconfenzionate, di apparire e non di essere, se non ci nutrissimo costantemente, cioè, alla Parola di Dio e al pane eucaristico; essi sono l’unico nutrimento di cui il nostro spirito necessita.

Sul nostro cammino quotidianamente incontriamo infermi, morti (nello spirito), malati, stanchi, poveri… Non possiamo curarci di loro con un orario di servizio a tempo determinato!

Il Regno di Dio è vicino, è già qui fra chi rinuncia alle ricchezze effimere per vivere autenticamente il Vangelo, fra chi si abbandona docilmente alla certezza delle fede nonostante i dubbi e le fatiche, fra chi si fa vicino anche al proprio nemico, fra chi degnamente riconosce Cristo nel prossimo e così vive nella pace.

Chiediamo sempre al Signore di guidarci nel cammino e affidiamo a lui tutto noi stessi, perché tutto è suo e lui tutto dispone secondo la sua volontà; il suo amore e la sua grazia, questo solo ci basta, come dice sant’Ignazio.

Marco Ruggiero


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 8 Luglio 2021
Articolo successivoPer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 8 Luglio 2021