Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 8 Giugno 2021

30

Gesù ci invita a fidarci di lui, scrollandoci di dosso le paure e le incertezze, non per vivere una vita frivola e assopita, ma per assumere una radicalità nel Vangelo che trova fondamenta salde nella sua rivelazione.

Perdiamo il sapore quando accettiamo del Vangelo solo quello che ci fa comodo e mettiamo da parte ciò che ci sembra fastidioso; non siamo luce del mondo quando ci proclamiamo paladini della Verità, ma solo quando abbiamo tempo, non siamo troppo stanchi oppure quando scansiamo abilmente determinati aspetti della vita in Cristo.

Se siamo selettivi nell’accogliere la radicalità del Vangelo corriamo il rischio di non essere coerenti e la conseguenza è essere “calpestati dalla gente”, schiacciati dalle nostre paure poiché instabili dinanzi alle difficoltà e alle tentazioni.

Certo, siamo in cammino e quindi non dobbiamo accogliere l’insegnamento del Signore senza metterci in discussione, senza riflettere, perderemmo così ugualmente il sapore, ma ciò che Gesù oggi ci dice è di avere fiducia in lui, perché con lui possiamo fare opere buone che testimoniano la vita piena nella Verità.

Marco Ruggiero


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 8 Giugno 2021
Articolo successivoContemplare il Vangelo di oggi 8 Giugno 2021