Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 7 Maggio 2021

68

L’ascolto genera l’amicizia e comporta la conoscenza delle intenzioni, di ciò che si muove nel proprio animo e in quello dell’altro. Dio ascolta, si fa prossimo al Figlio suo e dandogli vita già lo ama; il Figlio dal canto suo conosce l’opera del Padre perché ode la voce di questo Amore nel cuore, ne fa esperienza, appunto ascolta e conosce.

Ecco che la ricezione di questo amore diviene dono, il figlio Amato diviene Amante.

Siamo qui, ora perché voluti da Dio e da lui amati, chiamati a diventare amanti. Riconoscere l’amicizia che abbiamo ricevuto ci fa liberi di chiedere, ci costituisce fecondi, ci permette di esporci, rispondendo a colui che è il Signore di ogni cosa:

l’Amore che possiamo ricevere, l’Amore che abita dentro di noi e che possiamo portare fuori.

Mounira Abdelhamid Serra


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 7 Maggio 2021
Articolo successivodon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 7 Maggio 2021