Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 7 Maggio 2020

50

Come il migliore dei personal trainer che, prima dell’allenamento, prospetta le fatiche del percorso, spiega come affrontarle, cosa tenere presente, che ordine di priorità seguire, quali criteri utilizzare, a cosa rifarsi nel momento della caduta per ricominciare, così Gesù accompagna il nostro cammino, tifando sempre per noi e liberandoci dalle false immagini di noi stessi, dalle aspettative e dai fallimenti che soli non possiamo gestire.
Ecco che pur volendo alzare il calcagno, il calcio sarà dato a vuoto.

Una questione di stile, come sempre, lo stile di colui che per in-segnare parte dal suo di-segno, il segno dell’incontro tra il più grande e il più piccolo, il punto che ridà il giusto ordine ai venti dell’anima.

Ecco che incredibilmente ci si trova dinanzi a se stessi, in una solitudine ricca della presenza dell’Altro, la distanza viene coperta da qualcosa o meglio da qualcuno talmente più grande da definire ciò che siamo, da confermarci nel nostro limite come via di unità piuttosto che di frammentazione.

Mounira Abdelhamid Serra


Fonte

Articolo precedentedon Francesco Paglia – Commento al Vangelo del 7 Maggio 2020
Articolo successivoPer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 7 Maggio 2020