Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 7 Luglio 2021

46

Una chiamata continua a guardarsi dentro:
radunare ciò che ci appartiene, potenziarne l’integrità e guarirne le ferite riconoscendone le peculiarità, il giusto nome, il nome proprio.
E poi rivolgere tutto ciò all’esterno – in-viare, cioè dirigere dentro – in una corrente circolare e continua nella quale rivelare l’integrità, la guarigione, la prossimità fisica e temporale della salvezza, della vita.

Tutto ha un dentro e un fuori e ogni fuori appartiene a un contesto più ampio.
Dio permea sia il dentro che il fuori e partecipa, prende parte alla nostra umanità, così regnando.

Riceviamo dunque il potere di integrare e guarire la nostra umanità, i nostri limiti e i limiti delle nostre situazioni, imparando dallo stile di Dio a dare un nome a ciò che abbiamo dentro, a scegliere come armonizzarlo e come viverlo pienamente durante tutto il corso della vita a partire da ciò che ci appartiene e di cui facciamo parte.
Questo ci compete.

Il resto al Re e alla Regina.

Mounira Abdelhamid Serra


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 7 Luglio 2021
Articolo successivoPer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 7 Luglio 2021