Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 7 Aprile 2021

40

L’ardore del cuore è il sintomo della guarigione interiore.
Il Signore cammina tutti giorni con noi, eppure spesso non lo riconosciamo.
Non lo riconosciamo nè quando gagliardi operiamo o procediamo sulla speranza, né quando adombrati conversiamo e discutiamo tra di noi considerando le cose che accadono e viviamo.

Ci manca la chiave di lettura.

L’ardore del cuore è dunque ciò che deve metterci in una posizione di ascolto e di osservazione… da qui bisogna fare memoria di tutte quelle volte in cui il filo rosso della nostra vita si è intrecciato all’amore gratuito, alla benedizione e alla condivisione.
In questo modo riconosciamo Cristo risorto e comprendiamo come morire a noi stessi per risorgere con Lui e, guariti con un cuore nuovo, cioè consapevoli torniamo a vivere pienamente e ad annunciare vita piena.

Mounira Abdelhamid Serra


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 7 Aprile 2021
Articolo successivodon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 7 Aprile 2021