Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 6 Maggio 2022

47

- Pubblicità -

Che cosa ci dà vita? Che cosa la nutre, la alimenta, la fonda e la infonde? Anche quando non la tematizziamo esplicitamente, questa domanda, come una vibrazione di fondo che ci spinge a tante scelte, piccole e grandi, è presente nella nostra vita.

Siamo oggi di fronte alla conclusione del discorso di Gesù sul Pane, dopo il gesto della condivisione dei pani sulle rive del lago di Galilea. Si tratta della sezione “eucaristica” del Vangelo di Giovanni, che negli altri evangelisti è invece contenuta nella cornice dell’ultima cena. E Gesù, incompreso, dice di sé stesso di essere Pane, Vita, Inviato del Padre.

E che cosa ci ricorda il Signore? Che noi diventiamo ciò di cui ci nutriamo. Ciò che alimenta mente, cuore, sensi, affetti diventa la nostra casa, il luogo nel quale rimaniamo. Diventa anche legame e relazioni.

L’Eucarestia è vita, perché è casa. Alcuni chiamano così il luogo in cui si rimane. È appartenenza, perché è il tempo trascorso con qualcuno che dà forma a quel che siamo. Qui Gesù non parla di magie o poteri speciali, ma dell’umanissima esperienza di divenire simili a ciò che per noi è importante, simili a ciò a cui noi diamo valore e significato. Simili a ciò cui noi scegliamo di voler bene.

Perché in fondo non si tratta di avere una vita oppure no, ma di quale vita avere.

Diego Mattei SJ


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

- Pubblicità -

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 6 Maggio 2022
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 6 Maggio 2022