Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 6 Maggio 2020

40

Ci sono passaggi del vangelo che escono fuori dal politicamente corretto, sui quali la preghiera può ingorgarsi. Come oggi: «Chi mi rifiuta e non accoglie le mie parole, ha chi lo condanna: la parola che ho detto lo condannerà nell’ultimo giorno».

Gesù è venuto a salvare, a donare la vita eterna e lo fa dalla comunione col Padre, il condannare non gli appartiene. Mi chiede solo una cosa: credere. Ovvero gettarmi disarmato nel suo cuore – trafitto per diventare la mia casa –, affidarmi al suo abbraccio di misericordia, addormentarmi cullato dalla musica delle sue parole. E altro ancora possa suggerirmi la vita trascorsa con lui…

Tuttavia se – liberamente – rifiuto questo piano d’amore, se oppongo resistenza al lavoro interiore della parola eterna che mi vuole liberare dalla morte, già mi autocondanno.

Quella parola, a cui ho chiuso la porta, si fa condanna quando decido di castrare in me l’eterno
fluire della salvezza, quando muore sterile sulla pelle impenetrabile di un cuore di pietra.
Da Gesù siamo solo condannati alla luce, quella stessa che anche oggi mi libera dalla stretta delle tenebre, quella luce che dolcemente mi risveglia dopo ogni notte, quella luce che ha sempre acceso scintille nelle fredde brughiere della mia solitudine.

Giuseppe Amalfa SJ


Fonte

Articolo precedentedon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 6 Maggio 2020
Articolo successivodon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 6 Maggio 2020