Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 6 Dicembre 2020

113

Inizio. Nell’inizio c’è l’uomo Gesù, il Cristo unto per il trono della croce, il Figlio dei cieli, l’eternità che entra nella storia. Quanta densità in poche parole, spessa ouverture di tutta la redenzione: il desiderio di salvezza che il Signore ha per l’umanità. Inizia il vangelo, dove ogni volto è buona notizia.

Giovanni. Parola selvatica, spreco d’acqua nel deserto per battezzare i peccatori. Giovanni lava lo sporco della fatica, lava la polvere dall’immagine di Dio, dalle membra di Dio che sono le sue genti. Giovanni, profeta in ginocchio che fa spazio a Dio.

Dopo di me. Ecco viene Dio per immergerci in lui, viene a lavare di santo il mondo, a unire il suo Spirito al tuo, viene l’orizzonte dove far convergere ogni sentiero. Viene il Signore Gesù e battezza la storia nell’eterno della vita!

Giuseppe Amalfa SJ


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato