Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 5 Ottobre 2021

50

«Di una sola cosa c’è bisogno» e quella sono io; se non c’è quella, la vostra vita è un affannarsi e agitarsi per molte cose, senza concludere nulla, perché manca il baricentro su cui tutto poggia. Dovete imparare a scegliere quel che vale i vostri sforzi. E anche imparare a osare quel che altri non osano: dov’è il vostro tesoro, lì sarà il vostro cuore.

Entro nella scena: vedo le persone, ascolto quel che dicono o possono dire, ne osservo le espressioni e i gesti. Vedo Maria che compie il gesto del discepolato, si siede ai piedi di Gesù. Sua sorella la guarda, stupita: il discepolato ai tempi di Gesù è roba da uomini, come mai questa donna sta dove non dovrebbe stare? Non deve darsi da fare per qualcosa di utile, ricevere un ospite?

Rifletto: a me non dicono che fermarsi, ascoltare, pregare, non è roba da giovani, o da adulti, o da intellettuali? Saprò osare sfidare il mondo? In realtà, ognuno passa la vita ai piedi di qualcuno: bisogna vedere chi. Bisogna sapere scegliere.

Chiedo allora a Dio nostro Signore la grazia di non essere lento, ma pronto e generoso nel mettere a disposizione di lui me stesso e tutto quel che posso essere e diventare a lode e gloria del suo nome.

Ottavio De Bertolis SJ


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 5 Ottobre 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 5 Ottobre 2021 – Don Francesco Cristofaro