Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 5 Marzo 2022

77

- Pubblicità -

Luca sta narrando guarigioni a opera di Gesù, che ha appena sanato un uomo dal corpo paralizzato e se ne trova di fronte un altro che ha il corpo perfettamente funzionante ma lo spirito paralizzato. Le ferite e i blocchi superficiali sono facili da notare, tutto ciò che invece affligge il nostro intimo fatica a emergere e diventa complicato prendersene cura. Ci vuole qualcuno che sappia cogliere la sofferenza che si nasconde sotto il velo esteriore, magistralmente adornato dal nostro ego.

Levi porta un nome tipico della casta sacerdotale, ma la vita che conduce è ben lontana dall’essere al servizio di Dio. Non conosciamo lo stato d’animo di quest’uomo quando viene chiamato, tuttavia colpisce la velocità con la quale risponde a Gesù: un incontro decisivo che avviene durante quella quotidianità che spesso rende banale il male del quale ci facciamo promotori o del quale siamo partecipi. Forse Levi già da tempo stava riflettendo sui motivi che lo spingevano a tradire il suo stesso popolo, schierandosi dalla parte dell’oppressore per seguire il proprio tornaconto personale.

Tra le esperienze più significative e feconde che possiamo sperimentare c’è quella di sentirsi guariti e liberati da un male che ci tormentava. La gioia di Levi infatti si traduce in una grande festa che gli permette di condividere le sue ricchezze anche con coloro che ancora non sono stati raggiunti dal soffio liberante dello Spirito. È davvero bello vedere come Gesù, destinatario del banchetto offerto, non si metta alla porta per controllare se gli invitati siano degni di partecipare o meno. Non baratta la conversione con il cibo e la gioia dello stare insieme. Non si mette al centro. In casa di Levi c’è spazio per tutti: sani e malati festeggiano insieme la liberazione di Levi. Da questo tipo di festa ci si può solo autoescludere ed è il caso dei farisei. Sono gli unici infatti ad avere il cuore ancora troppo indurito per poter abbracciare quell’umiltà che, rifiutando la condanna, spalanca le porte alla misericordia.

Fabrizio Barbieri


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

- Pubblicità -

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 5 Marzo 2022
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 5 Marzo 2022