Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 5 Dicembre 2021

116

Cosa il testo dice: la parola di Dio venne su Giovanni, figlio di Zaccaria, nel deserto. Quella parola è l’oracolo del profeta Isaia, che diventa non più una parola morta, improbabile, ma si fa viva, vera, ed è il senso di quel che Giovanni fa e dice. La parola cade nella storia di un uomo, che ha un nome, e anche un padre, Zaccaria; si fa carne nella vita e nella storia di una famiglia, di un uomo. E in un luogo: nel deserto.

Entro nella scena: vedo le persone, ascolto quel che dicono o possono dire, ne osservo le espressioni e i gesti, contemplo il Battista: ragazzo fatto uomo, sfuggito alla quotidianità del mondo, entrato nella provvisorietà e nell’insicurezza del deserto, lì condotto da una Parola che lo ha sedotto, sostenuto ma anche isolato, protetto ma anche esposto.

Esco dalla preghiera chiedendo a Dio nostro Signore la grazia di non essere lento, ma pronto e generoso nel mettere a disposizione di lui me stesso e tutto quel che posso essere e diventare a lode e gloria del suo nome.

Ottavio De Bertolis SJ


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 5 Dicembre 2021
Articolo successivodon Stefano – Commento al Vangelo del 5 Dicembre 2021