Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 4 Settembre 2019

5

Era giorno, si fece sera e poi ancora mattina: l’arco temporale delle vicende è specchio di cosa avviene nel cuore di chi ha incontrato Dio, si è lasciato da Lui amare e guarire, e dunque può agire di conseguenza.
Anticipo e sunto di ciò è la suocera febbricitante di Pietro. Su essa Gesù si china e comanda al male di allontanarsi.

Dio assume le vesti del servo, chinandosi su di noi, ma proprio per questo è Signore della vita: co-mandando, agendo assieme a noi, si fa vicino e dispone la nostra libertà.

La reazione della malata all’incontro di guarigione è repentina: non è più malata, subito si alza in piedi e serve, assume cioè egli stessa il comportamento di chi l’ha toccata.

Il cammino del credente si fa dunque palese nella grande libertà con cui, uscito dal luogo dell’incontro, dal tempo di grazia si scopre capace di ridonare la pace e la guarigione che ha ricevuto.

Ci sono però delle tentazioni sottili: il male fa di tutto per arrestare il bene, cercando di trattenere il credente nel “dovere” gravoso di essere unico e insostituibile. Gesù lotta con queste voci mettendole a tacere e cercando di tornare a quell’incontro di pace, a quella relazione con il Padre che dona vita.

L’unico modo per essere liberi dal male è continuare a camminare in quella relazione gratuita che libera e guarisce, consapevoli che lì dove siamo già stati resta comunque la grazia e dove andremo si compie la speranza.

Mounira Abdelhamid Serra

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

È necessario che io annunci la buona notizia del regno di Dio anche alle altre città; per questo sono stato mandato.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 4, 38-44

In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, entrò nella casa di Simone. La suocera di Simone era in preda a una grande febbre e lo pregarono per lei. Si chinò su di lei, comandò alla febbre e la febbre la lasciò. E subito si alzò in piedi e li serviva.
Al calar del sole, tutti quelli che avevano infermi affetti da varie malattie li condussero a lui. Ed egli, imponendo su ciascuno le mani, li guariva. Da molti uscivano anche demòni, gridando: «Tu sei il Figlio di Dio!». Ma egli li minacciava e non li lasciava parlare, perché sapevano che era lui il Cristo.
Sul far del giorno uscì e si recò in un luogo deserto. Ma le folle lo cercavano, lo raggiunsero e tentarono di trattenerlo perché non se ne andasse via. Egli però disse loro: «È necessario che io annunci la buona notizia del regno di Dio anche alle altre città; per questo sono stato mandato».
E andava predicando nelle sinagoghe della Giudea.

Parola del Signore

Articolo precedentedon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del giorno, 4 Settembre 2019
Articolo successivodon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 4 Settembre 2019