Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 4 Luglio 2021

41

Gesù torna nei luoghi in cui è cresciuto, che lo hanno visto bambino, poi ragazzo, giovane adulto, artigiano alle prime armi nella bottega del padre e poi uomo esperto.

Tutto in quel luogo parla del passato con la famiglia semplice e dignitosa, le case e i sentieri del villaggio, i tratturi che attraversano i campi, le piccole botteghe e i luoghi dove ci si ritrova nel piccolo abitato, per festeggiare, discutere o riposare a fine giornata, la sinagoga…

Ogni angolo ricorda altre parole, altri gesti, le risate, i momenti di preoccupazione o anche di tristezza. Della vita di un uomo di trent’anni nella Palestina occupata dall’Impero Romano c’è tanto da ricordare.

Gesù è lui, l’uomo della memoria e al tempo stesso non è più lui, perché le parole che pronuncia e le azioni che compie sono assolutamente nuove, esprimono un cambiamento netto e indefinibile, sicuro e difficilmente classificabile. Come ogni mutamento, quanto più è sottile tanto più è profondo.

L’incredulità che incontra non lo ferma, lo meraviglia e forse lo rattrista, ma non lo blocca. E così continua a camminare. Chi è quest’uomo?

Diego Mattei SJ


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 4 Luglio 2021
Articolo successivoPer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 4 Luglio 2021