Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 3 Marzo 2022

108

- Pubblicità -

Fisso un punto e ti chiedo, Signore, la grazia di essere tutta lì. Tutta insieme, tenuta dalle tue mani e chiara, piena e presente a me stessa – e quindi a te. Sono quel punto pieno e fermo, mi tieni insieme e nulla sfugge alle tue dita accorte. In te, nella verità, trovo identità.

Solo partendo da questo punto fermo posso trovare quella compattezza che, unica, può dirmi davvero chi sono e dove desidero andare. Solo piena e completa, ferma nel punto in cui mi chiami per nome e mi ri-conosci, posso sentire chi sono e come tale offrirmi ai miei fratelli per offrirmi a te.

Solo in questa pienezza posso cominciare a muovermi e scegliere di venire dietro a te, di prendere la mia croce, di seguirti perdendo per te quella vita che tu mi ridoni, nobilitata e colma di grazia.

Gloria Ruvolo


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

- Pubblicità -

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 3 Marzo 2022
Articolo successivoPaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 3 Marzo 2022