Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 3 Giugno 2019 – Gv 16, 29-33

126

Nei momenti fondamentali della nostra vita, ci sentiamo spesso soli e impreparati. Questa solitudine è particolarmente evidente nel momento della sofferenza. Nonostante la vicinanza delle persone care, ci sono prove che solo noi possiamo affrontare, decisioni che solo noi possiamo prendere.

Si avvicina l’ora del Getsemani e Gesù annuncia la propria Passione. La Sua umanità attraverserà gli stessi sentimenti di solitudine e sgomento che attraversano il nostro animo.

Eppure, nell’annunciare questo passaggio, Egli ci rassicura e ci incoraggia. Il Padre sarà con Lui e il mondo sarà vinto. Dio si è fatto uomo per affrontare con noi questa sofferenza ed abitarla.

Dalla croce il Signore ci abbraccia, ci strappa dalla a morte e ci conduce per mano verso una vita rinnovata. Il coraggio del cristiano non è dato dalla fiducia nelle proprie capacità, ma dall’aver vissuto questa esperienza di salvezza!

Maria Pia S.

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 16, 29-33

In quel tempo, dissero i discepoli a Gesù: «Ecco, ora parli apertamente e non più in modo velato. Ora sappiamo che tu sai tutto e non hai bisogno che alcuno t’interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio». Rispose loro Gesù: «Adesso credete? Ecco, viene l’ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto suo e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me. Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo di oggi, 3 Giugno 2019 – Gv 16, 29-33
Articolo successivoPer la Famiglia – Breve commento al Vangelo di oggi, 3 Giugno 2019 – Gv 16, 29-33