Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 3 Dicembre 2020

117

Costruisco la mia casa, Signore, muovendo le mie mani con le tue, poggiando i miei passi sopra i tuoi, chiedendo a te la Sapienza. Perché ogni movimento fatto tenendoti al centro è movimento creatore di vita. Ogni passo compiuto nel tuo nome un passo verso la verità. Ciascun desiderio posto nel tuo cuore è fonte di pienezza.

Ti chiedo, allora, di insegnarmi il silenzio e la pazienza: il silenzio, perché ci sia nel mio cuore posto per le tue parole, fondamenta di questa casa; pazienza, perché io sappia muovermi sul tuo tempo, fertile ritmo di vita piena.

Allora, quando col cuore vuoto perché pronto a riempirsi, la mente quieta perché non pre-occupata, le mani libere perché pronte a servire arriverò davanti al luogo in cui mi chiami a costruire la mia casa, solo allora sarò certa: fondata in te, la mia vita sarà piena; costruita con le mani sulle tue mani, la mia casa sarà salda.

Con le mani sulle tue mani scaverò per fondare in te la mia vita. Perché quando il mio cuore non basterà, tu lo allargherai; quando la mia mente vacillerà, tu la sosterrai; quando le mie mani esiteranno, tu le sosterrai.

Verena M.


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato