Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 3 Aprile 2022

96

- Pubblicità -

Tutti siamo convinti che il nostro “fare” dica il nostro “essere”.
Siamo quello che facciamo, sì!
Ma siamo solo ciò che facciamo nel bene: se fai del bene, sei bene. Se fai del male․․․ non sei male! Questa è la novità.

Sei sempre bene, anche se a volte, o spesso, ti capita di fare il male. Così Gesù guarda la gente, guarda questa donna, guarda te. Ti “giudica” sempre bene, è dalla tua parte! In certe situazioni, anche con un certo dolore, ti invita a riconoscere il male che hai fatto; non è una condanna, è una guarigione!
Ma non lo fa per dirti che sei quel male, lo fa per dirti che sei sempre il bene (d’altronde sei e sarai per sempre “a sua immagine”) e addirittura puoi farlo, quel bene! E, con il suo Spirito, ne sei anche capace! E quando lo vivi, il bene, ti stupisci ma ti rendi anche conto che tu sei proprio quella bellezza. E anche gli altri! Sei bene perché desideri camminare con gli altri, comprenderli, raccontarti, perché sei relazione fraterna, amicale․․․ sei umanità amata.

Se allora è quel Gesù di Nazareth, colui che ci svela l’unico volto di Dio, cioè l’Amore, allora puoi lasciarti andare, puoi lasciarti guidare dal coraggio di svelarti, di aprire il cuore, di piangere e gioire, di alzare la testa, di camminare sulla strada della tua vita e non nasconderti, isolandoti nella tua stanza.

Ma anche per te, che a volte ti senti scriba e fariseo, convinto delle tue ragioni․․․ che vivi tutta una vita a difenderti, accusando le colpe degli altri, sgomitando per avere un po’ di riconoscenza․․․ anche per te c’è una nuova possibilità!
Lascia stare i tuoi giudizi (spesso pre-giudizi): accogli la Vita che passa nella realtà, vivi come se ogni giorno dovessi ricominciare a camminare․․․ Ti gusterai la bellezza della quotidianità, lo splendore dell’umanità, la forza del camminare insieme․․․ tutti dalla stessa parte.

Loris Piorar SJ


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

- Pubblicità -

Articolo precedentedon Guido Santagata – Commento al Vangelo di domenica 3 Aprile 2022
Articolo successivoI Carmelitani di Australia e Timor-Leste – Commento al Vangelo di domenica 3 Aprile 2022