Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 28 Gennaio 2022

153

- Pubblicità -

Gesù, osservando la natura e le sue regole, impara a riconoscere le logiche del Padre celeste e ce le trasmette sotto forma di parabole e così un seme gettato in un terreno diventa parabola sull’operare di Dio.

Troppo spesso pensiamo che sia l’azione dell’uomo a generare il Regno ma le nostre ansie di bene possono rivelarsi non solo inutili ma anche dannose.

Gesù è il seme gettato: l’artefice del regno e, contro ogni presunta ricerca di efficienza mondana, ha solo bisogno di passività: un terreno spoglio e libero che l’accolga ed attenda che germogli.

Anna Laura Lucchi Filippo Zalambani


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

- Pubblicità -

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 28 Gennaio 2022
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 28 Gennaio 2022