Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 28 Febbraio 2020

257

Oggi ci vengono offerte immagini semplici, a tratti primordiali, quali il cibo e il digiuno, la festa e il lutto, per parlarci della bellezza della vita in compagnia di Gesù.

Lontano da Lui, sia che si digiuni sia che si viva di eccessi o alla continua ricerca di nuove esperienze, la vita rischia di diventare insipida.

Con Lui invece il mondo assume un altro sapore, un sapore di novità, ed anche vivendo di cose semplici ed essenziali si assapora il gusto di una vita piena.

Anna Laura Lucchi Filippo Zalambani

Fonte


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Quando lo sposo sarà loro tolto, allora digiuneranno.
Dal Vangelo secondo Matteo Mt 9, 14-15 In quel tempo, si avvicinarono a Gesù i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?». E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno». Parola del Signore