Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 28 Aprile 2021

29

Non possiamo darci la vita da soli, la nostra esperienza di creature ce lo mette quotidianamente di fronte agli occhi. Quando pensiamo di bastare a noi stessi, sempre ci scontriamo con infelicità e delusione. Ciascuno può vivere quella pienezza a cui siamo chiamati solo aprendosi alla relazione con gli altri e con il Signore.

Gesù ci parla della sua unione con il Padre non per dare autorità alle sue parole, ma per consegnarci il suo segreto più intimo: le sue parole e la sua vita poggiano sull’essere Figlio e sull’amore che suo Padre, nostro Padre, costantemente dona.

Fidandosi di questo amore, Gesù può vivere pienamente ciò a cui è chiamato: portare salvezza al mondo, a te e a me.

Anna Laura Lucchi Filippo Zalambani


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 28 Aprile 2021
Articolo successivodon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 28 Aprile 2021