Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 26 Ottobre 2021

74

«Gli uccelli del cielo vennero a fare il nido fra i suoi rami». Un uccello trova casa, protezione, un luogo dove crescere i suoi piccoli in un albero. Questo accade senza che l’uccello sappia nulla di quell’albero. Non sa cosa ci facesse lì, come è nato. Probabilmente non sapeva nemmeno che esistesse, fino a che non l’ha trovato e non ci ha fatto un nido.
Anche l’uomo che ha gettato il granello di senape forse era ignaro di tutto. Non sapeva che quel granello avrebbe attecchito, che sarebbe diventato un albero, e che quell’albero avrebbe dato una casa a tanti uccelli.

Anche la grazia di Dio agisce in noi, e in chiunque, senza che noi ce ne rendiamo conto. Anche se noi non la cerchiamo, anche se in un momento ce ne dimentichiamo, anche se noi siamo del tutto estranei alla chiesa.

E la grazia agisce attraverso di tutti. Come l’uomo che ha gettato il granello di senape forse non sapeva che quel granello sarebbe diventato un albero, forse la grazia nella nostra vita è arrivata attraverso una persona che non si aspettava di essere strumento della grazia, o che noi non avremmo mai immaginato che lo potesse essere.

Pietre Vive (Roma)


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 26 Ottobre 2021
Articolo successivodon Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 26 Ottobre 2021