Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 25 Settembre 2021

85

Gesù cerca di far capire ai discepoli il prezzo del suo amore per loro, e per noi. Il Signore si definisce il “figlio dell’uomo”, espressione ebraica per dire che Gesù è l’uomo perfettamente e pienamente realizzato, il più umano degli uomini!

Proprio questo Gesù oggi ci insegna che per realizzare la nostra vocazione alla vita, siamo chiamati a essere consegnati. La nostra vita si trasfigura di divina bellezza ogni volta che accettiamo di non possedere più nulla, neppure noi stessi; e così nudi e disarmati lasciamo che la nostra vera natura appaia.

Questa proposta sembra davvero incomprensibile e inaccettabile ai suoi, e forse, anche a noi. Perché esporsi tanto? Mostrarsi fragili e indifesi non sembra davvero una strategia vincente!? Ma il Signore Gesù, senza veli, sulla croce compirà la sua traiettoria generativa, invitandoci a fare come Lui.

«Lasciati attrarre e affascinare dal fare di Dio, che non può dare nulla di meno di sé stesso», scrive Meister Eckart. Forse perché ogni volta che ci concediamo di essere irrimediabilmente noi stessi, traspare quella scintilla di Dio che ci abita!

Presenza divina, assoluta fecondità e creatività di chi decide anche solo per un istante al giorno di lasciar trasparire la potenza operosa del Creatore. Anche attraverso te e me Dio continua a rimodellare questo nostro piccolo mondo! Chiedi al Signore il coraggio di vivere così, perché coloro ai quali verrai consegnato/a possano iniziare a vivere diversamente.

Narciso Sunda SJ


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 25 Settembre 2021
Articolo successivoMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 25 Settembre 2021