Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 25 Maggio 2020

59

Il caldo di un cuore che sta per rompere gli argini. Nell’ultimo momento d’intimità con i suoi amici Gesù non ha parole da sprecare, esonda consegnando il senso di una vita. In esso i discepoli riconoscono la sua divinità per il fatto che lui risponde alle loro domande, prima che essi stessi le formulino.

Quante volte è successo anche nella nostra vita? Proprio quando accade, anche nelle nostre relazioni, da quell’attenzione e cura riconosciamo un amore sorprendente. Capace di rispondere direttamente al cuore e a quei bisogni che non siamo ancora riusciti a tradurre in parole. Fermati a gustare l’attenzione provvidente del Signore per te, solo per te!

Ora i discepoli credono di aver compreso, ma solo ricevendo i benefici che regala la passione, morte e resurrezione di Gesù essi potranno veramente capire, credere e testimoniare! Infatti, Gesù cerca di spiegare ai suoi che lasciarsi salvare è l’unico modo per entrare nel suo Shalom.

Pace cosmica che non significa assenza di conflitti e sofferenze, ma la capacità di attraversarli e di uscirne vincitori. Di non perdere mai la speranza, perché essa si radica nella Pasqua del maestro! L’amore per Dio e per i fratelli è e sarà sempre vincente.

Narciso Sunda SJ


[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 25 Maggio 2020
Articolo successivodon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 25 Maggio 2020