Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 23 Novembre 2021

28

Sono tra i discepoli.
Sento la distanza tra il bisogno espresso dalle domande e la rivelazione delle risposte.

I discepoli vogliono certezze e interpretazioni chiare sul proprio futuro, capire come potersi comportare adeguatamente. La risposta rivela soltanto la fragilità di questa stessa domanda, dell’impossibilità di comprendere pienamente la propria condizione e il proprio tempo.

Accogliere questa non comunicabilità, questa incomprensione nel modo di guardare alla vita, ci scioglie dai vincoli rassicuranti della ricerca di un’atmosfera piacevole da lieto fine, dall’obbligo di conservare tutto in ordine. Vivere pienamente è anche stare nel silenzio dell’ascolto, nella fraternità, dove la parola può essere superflua.

Osvaldo Proietti

Rete Loyola (Bologna)


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 23 Novembre 2021
Articolo successivodon Paolino – Commento al Vangelo del 23 Novembre 2021